I Guadiani di Atlantide

venerdì, dicembre 18, 2009

Escamotage

Escamotage: ripiego, espediente, tranello.
Da: http://it.wiktionary.org/wiki/escamotage

Mia mamma è tornata mercoledì sera, era via da venerdì, e le ho raccontato dell'annuncio per il pranzo di Natale in ditta.
Per chiarire le cose ha chiamato Parrucco Seduto, gli ha detto che per festeggiare quel che vogliamo festeggiare, lei ed io vogliamo offrire il pranzo al ristorante Le Specialità. Le risposte di lui sono state:
- a lui non importa dove si va
- mettiamolo ai voti

Sinceramente a me è salita alle labbra una risposta decisamente volgare.
Poi si è illuminata nel mio cervello la considerazione che bisogna essere ben maleducati per dire "mettiamo a voti in che ristorante andare" quando io ti voglio offrire il pranzo.

Ieri mattina, mia mamma va a colloquio con Parrucco Seduto e gli dice che non trova corretto che si metta ai voti il ristorante quando vogliamo pagare noi. E lui se ne esce con:
- è evidente che questo è un escamotage della Chiara che a lei non è mai piaciuto il cibo del Capriccio
- non è giusto sfruttare il pranzo di Natale per festeggiare altre cose
- non possiamo cambiare ristorante perchè è una tradizione
- ognuno è libero di andare dove vuole.

E così, mia mamma che è convinta che se noi andiamo alle Specialità nessuno verrà con noi, per paura di cadere in disgrazia con Parrucco Seduto.
E così facendo ha trasformato la mia dichiarazione di cambiamento di ristorante in uno stupido ed inutile atto vandalico.
E io è da ieri che al posto dello stomaco ho un groviglio di livore, senso di tradimento, odio, frustrazione, mortificazione e fame nervosa che mi fa star male.
E voglio che lui stia male come sto male io.

Ho passato la serata di ieri a pensare un modo per farlo star male, e stamattina ho avuto l'idea.Il 22 distribuiremo i regali di Natale per i figli dei dipendenti dicendo "ognuno è libero di fare quello che vuole, ma noi noi siamo libere di offrirvi il pranzo di Natale in un altro ristorante, per cui Buon Natale e Felice Anno Nuovo, questo è il regalo per tuo figlio" e il 23 al pranzo non ci andiamo.
Questo, però, non farebbe nè caldo nè freddo a Parrucco Seduto, per cui oltre ai regali distribuiremo* anche i cesti natalizi che dovrebbero venir distribuiti con la tombola il 23, e per i premi più grossi facciamo un'estrazione sul momento.
Questo sì che gli romperà le uova nel paniere!
Perchè quello a cui tiene Parrucco Seduto è la sensazione (totalmente falsa) di essere una "grande e felice famiglia" che gli da quest'occasione, mentre i dipendenti vengono per i premi della tombola.
Distribuendo prima i premi gli rovino il giocattolo, così come lui ha rovinato la mia vita negli ultimi 6 anni.

Un parente stretto gondoriano (quella ragazza ha davvero un dono per le parole!!!) dice:"La gente si tratta male ogni giorno, perfino nelle piccole cose. C'è una catena di causa ed effetto fra questo, tirare un oggetto contundente a uno che neanche conosci, andare in guerra. La pace comincia a casa.Lo so che sembro santimoniosa, ma tutti gli appelli del presidente saranno inutili e succederanno cose peggiori, se noi tutti, a cominciare da me stessa, non smettiamo di diffondere odio nella nostra vita quotidiana. Se non puoi dire qualcosa di positivo, non dirlo. Non è ipocrisia, ci sono altri modi di essere sinceri: è sopravvivenza. Ricorriamo alla spiritualità, alla ragione, alla filosofia, alla terapia, quello che vogliamo, ma PIANTIAMOLA."

Ha perfettamente ragione, e io devo chiederle scusa, perchè quando si comincia a parlare della ditta sprigiono odio e livore e cattiveria come un geiser, però devo anche dire che ho raggiunto il limite.Per sei anni me ne sono stata zitta, ho accettato un trattamento mortificante, sono stata ignorata quando parlavo, ogni mia idea è stata cassata, ogni mia iniziativa ignorata finchè la stronza più piccola non la copiava e la faceva sua, ogni mia proposta bocciata in nome di un immobilismo spacciato per tradizione.

E ora non ne posso più! Devo fare qualcosa.

A gennaio probabilmente non torno in questa trincea, ma prima voglio fare qualcosa, fosse anche appendere fuori dall'ingresso un cartello che dica:
"die Änderung macht frei"
(il cambiamento rende liberi)
Sì, il riferimento ad Auschwitz è assoltamente voluto.

Tra le cose che voglio fare c'è anche dire la verità, e ho cominciato da stamattina: uno dei magazzinieri mi ha chiesto se è vero che mia mamma ed io non andremo al pranzo di Natale, e gli ho risposto: "sì è vero. L'Agnoletto dice che ognuno è libero di andare dove vuole, ma noi non siamo libere di offrirvi il pranzo in un ristorante diverso, per cui quest'anno non veniamo al pranzo". Lui poi mi ha detto che è stato detto che tutti sono d'accordo sull'andare al capriccio, ma non è così.

E io, in questo momento, potrei mangiarmi per il nervoso una quantità spropositata di cibo.




*uso il plurale sempre che mia mamma, per questa volta, mi sostenga e sia con me, in modo da non rendere quella che è una presa di posizione, una stupida mia ripicchina.

3 commenti:

DAMA ARWEN ha detto...

Ecco.
ho seguito con molto interesse lo sviluppo di questa (ennesima) cosa curiosa di ciò che accade nlla tua ditta.
La tua vita in trincea credo che qui abbia raggiundo l'apoteosi dell'infimo. (Non mi ricordo come si chiama questo gioco di parole).

Come ho già risposto nel blog del (tuo) Fratellino Gondoriano (ho imparato come si fa!) purtroppo non sono d'accordo con questo "pacifismo" che dovrebbe iniziare da noi. Giusto nel concetto, ma quando chi hai di fronte resta stronzo, ottuso, dispettoso e guerrafondaio a CHE CAZZO SERVE? A farselo spingere nel di dietro ancora di più? No grazie! E allora scatta il desiderio, più che legittimo, del senso di vendetta.

Voi NON dovete andare al Capriccio, e ora mi sto scervellando per trovare il modo di aiutarti nell'impresa di rompergli le uova nel paniere oltre a quello della tombola e co da te indicato.
Innanzitutto mi chiedo: viste le parole del magazziniere, non vi conviene davvero provare a mettere la cosa ai voti? O pensi che nessuno dei vostri dipendenti avrebbe il.. "coraggio" di NON votare il Capriccio?

Certe cose vanno OLTRE l'umana follia. Secondo me dovresti assecondare la proposta del Kong di "Eliminare" il problema alla radice, a un prezzo modico, pure.

Se fossi in te, metterei in bacheca come tuo augurio di Natale x tutti, la frase da te citata prima: Il cambiamento rende liberi

Fratellino ha detto...

Yeah! Discussione a tre inter-blog. Grazie, fratello, per la citazione, e come ho già detto a Damina, tu non mi provochi ansia, anzi (paradosso) sono contenta quando mi racconti queste cose, perché so che a te fa bene sfogarti.

E poi ovviamente mi spiace per te, e credo che la "vendetta" in questo caso sia giustificata e - forse - utile! Probabilmente il Parrucco non capirà, ma altri potrebbero capire qualcosa e farsi furbi anche loro. Se resta solo magari un'intuizione che sta sbagliando gli viene!

"Pacifista"? ARGH! SCHIFO! Meno male che lo hai messo fra virgolette ^^ Chiarisco che io tento di applicare il detto di Teddy Roosevelt: "Parla dolcemente e porta un grosso bastone" (speak softly and carry a big stick). Sì, credo profondamente nell'essere buoni fra noi, ma credo anche nel diritto di difesa. Io sono quella che si sente un guerriero perennemente al fronte. Purtroppo le persone che mi feriscono di più con le loro cattiverie gratuite sono le più vicine a me e le più "buone". E d'altra parte sono loro che mi fanno capire quanto è facile ferire anche chi si ama, e mi spingono a tentare di essere migliore.

Ma MAI, sottolineo, con la menzogna o l'ipocrisia! Se qualcuno mi fa uno sgarbo, state certi che avrà una risposta commisurata (se sono in buona). E se si tratta di un vero stronzo, non di una persona cara che ha detto qualcosa senza pensarci, mi difendo e via via li elimino dalla mia vita... in un modo o nell'altro... muahahaha!

Fratello, sai che farei qualsiasi cosa per aiutarti a liberarti di "questo" stronzo in particolare, quindi, anche se è poco, puoi contare su di me. (Adesso mi riferisco ai metodi "leciti"... Starscream, stai buono...) Mi racconterai cosa intendi con "a gennaio non torno", ma sostengo qualsiasi scelta che ti faccia stare meglio.

A proposito, Buon Natale! E io che non volevo stare più di 10 minuti sul computer di mia madre ^___^ (PS: infatti sta già rompendo!) e non riesco neanche a loggarmi... sgrunt!

Stefano ha detto...

Ve lascio sole solo pochi giorni sotto Natale e tu guarda che Roba mi ritrovo... Ok ok smetto di scherzare subito.
Seriamente TU Vuoi davvero metterla nel culo al Sig. "L'azienda sono IO"?
E nel modo più doloroso possibile?
Bene allora l'unico modo per farlo alla grande è fottergli il mestiere e far si che il resto dell'azienda capisca che con TE e senza di LUI e le sue 2 scimmiette ammaestrate può andare avanti lo stesso... sei giovane, sei carina e sei intelligente puoi farcela.
Scusa è più forte di me... in alternativa credo che dovrò commisionarti il costume di "The Punischer" sai mai... però tienila come ultima risorsa.
Il "Giullare" di Gondor passa e chiude... e abbraccia tutti. ^_-
Stefano