I Guadiani di Atlantide

lunedì, marzo 14, 2005

Nostalgia

Ieri sera, per separare dei libri, prestatimi per dare gli esami e che devo rendere, dai miei che finiranno in solaio ho trovato le vecchie Smemo del liceo e del primo anno di università.

Ci attaccavo di tutto, cose che all'epoca evidentemente ritenevo importanti, e che ieri sera mi chiedevo cosa fossero e perchè li avessi attaccati.
Attaccavo le locandine (ritagliate dal giornale) e i biglietti dei cinema e delle mostre (questo devi riprendere a farlo).
Segnavo tutti i risultati delle partite del Milan (e Juve ed Inter, per tenere i conti) e le classifiche dei GP (il mondiale lo seguo ancora, solo non mi segno più le classifiche sull'agenda...)
Da brava ragazza segnavo anche i compiti in classe, le interrogazioni ed i compiti da fare a casa...

Ho riletto le dediche degli amici, i testi delle canzoni, le dichiarazioni d'amore all'oggetto (uno solo in 5 anni, sono decisamente monogama) del mio amore (che mi ha sempre ignorata, ma avrà sempre un posto particolare nel mio cuore e nei miei ricordi), le poesie (frammenti di poeti ellenistici, più che altro) e brani di TLOTR (sì mi copiavo brani interi: ho trovato sulla stessa Smemo l'arrivo a Lorien, due volte il Canto Funebre per Boromir, poi e il Canto degli Ent e delle Entesse...).

Non che i tempi del liceo siano stati i giorni più felici delle mia vita, ma per certe cose (la gita ad Amsterdam, le foto delle vacanze, il primo concerto a cui sia andata - Bryan Adams per la cronaca -, certi film e testi di canzoni) ho provato una gran nostalgia.
Sono decisamente più felice adesso: ho più amici (anche se la maggior parte di essi vive in altre città e ci vediamo raramente), la patente, più soldi a disposizione, più tempo libero e posso trascorrelo come voglio: che sia ricamando che sia su un treno o in macchina per raggiungere gli amici...
Se tornassi indietro rifarei ben poche cose di quelle che ho fatto, eppure una punta di nostalgia l'ho provata.

E alla fine ho deciso: le 5 Smemo restano in camera mia, non vengono esiliate in solaio, non se lo meritano.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Ma che bello... allora non ero l'unica ad usare il diario come fosse un anuario sportivo :D
Raflesia

Anonimo ha detto...

E' sempre piacevolissimo trovare vecchi diari e rileggersi.
Io ne ho trovato uno fatto durante la vacanza dell'estate dell'89, quante risate mi sono fatta!
E cmq io segnavo i risultati del basket sui diari di scuola, contenta di sapere di non essere l'unica ad averlo fatto! :-)

Miyaru

Eowyn ha detto...

E' da un pezzo che anch'io voglio andare a ricercare i miei vecchi diari...
Uno di questi giorni lo farò, me li rileggerò, mi farò l'ultimo bagno di nostalgia... e poi farò un falò e li brucerò tutti! ;-)